Come riconoscere una buona impresa di onoranze funebri

Cosa distingue un'impresa seria da una di cui è meglio non fidarsi?
Ci sono alcuni segnali chiari, altri che bisogna saper interpretare.

A parole sono tutti bravi.
Ma guai a lasciarsi convincere dall'apparenza. Anche perché chi si rivolge a un'impresa di onoranze funebri è inevitabilmente in una situazione complessa e delicata, in cui la lucidità non è al massimo. E allora si rischia di cadere in mano a personaggi e imprese non del tutto affidabili.
Vediamo come riconoscere i segnali che distinguono un'impresa seria rispetto a una da cui è meglio girare al largo.

1. Vedere di persona, toccare con mano

Prima di tutto bisogna capire la differenza fra un'impresa di onoranze funebri e un'agenzia.
Un'impresa vera e propria ha una sede in cui si possono vedere di persona tutti gli elementi che fanno parte della scelta: le finiture, gli accessori, i marmi, i veicoli. Se invece vi fanno vedere solo fotografie e cataloghi, significa che avete davanti una società che per questi servizi si affiderà ad altri, con evidenti ricarichi di prezzo.
Il consiglio: affidatevi a un'impresa nella cui sede potete vedere personalmente tutto ciò che dovrete scegliere.
Anzi, non vergognatevi di chiedere di vedere i veicoli e i feretri: è vostro diritto fare una scelta consapevole.
E avrete la certezza che una struttura del genere, a parità di servizi, vi chiederà una cifra inferiore di chi invece deve sostenere passaggi e ricarichi fra più persone e intermediari.

2. Persone vere, non venditori

Il rispetto, la dimensione umana e psicologica sono aspetti fondamentali. Chi svolge questa professione deve essere il punto fermo di persone in difficoltà. Ci vuole una forza interiore e una sensibilità come in un nessun altro lavoro.
Ve ne accorgerete alla prima stretta di mano, ancora prima di parlare, se la persona che avete di fronte è un professionista capace di essere un sostegno nei momenti più difficili della vostra esistenza, o se invece è un semplice venditore che cerca solo di farvi firmare un contratto.

“Diffidate degli incaricati delle imprese che vi contattano direttamente a casa e in ospedale e non accettate indirizzi forniti dal personale ospedaliero”.
Ricordatevi che se gli incaricati delle imprese funebri vi contattano direttamente in ospedale o se il personale ospedaliero, anche su vostra richiesta, vi indirizza alla scelta di una specifica impresa, si stanno comportando in modo disonesto e vietato dalla legge.

I “consigli in ospedale” sono censurati anche dalla Giunta regionale piemontese, che ha adottato in materia una specifica norma.
Il testo del regolamento, approvato con D.P.G.r. n. 7/R dell’8 agosto 2012, è estremamente chiaro: l’articolo 3 comma 7 stabilisce che “negli obitori, nei cimiteri e all’interno di strutture sanitarie, di ricovero e di cura, di strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali, sia pubbliche che private, è fatto divieto di interferire o condizionare in alcun modo la scelta dell’impresa funebre da parte dei familiari del defunto, accettare eventuali compensi e regali, svolgere alcuna opera di propaganda, pubblicità e commercio”.
Per chi non osserverà la legge sono previste sanzioni gravi, fino alla revoca della licenza, nel caso si tratti dell’esponente di un’impresa funebre.

3. Aggiornamento

Anche in questo lavoro la formazione professionale è importante: l'aggiornamento deve essere continuo.
Tasse comunali che cambiano, nuove normative che vengono introdotte...
Se fate una qualche domanda specifica e vedete delle incertezze, è brutto segno. Anzi, è un segno chiaro che conviene rivolgersi a qualcun altro.

4. Le radici

In un lavoro così complesso e delicato, la preparazione non si improvvisa, e spesso discende da una storia di famiglia.
Come in ogni professione, quando si impara dai genitori si tende a fornire un valore e una passione superiori. Per contrasto ci sono delle imprese che spuntano come funghi e altre che sembrano filiali di una catena commerciale, spersonalizzate, senz'anima.
È importante scegliere persone che abbiano una storia, una reputazione.

“Un’unica forza, l’Amore
lega e da vita a infiniti mondi.”

Giordano Bruno

5. La competenza

Quando si verifica un decesso, è incredibile la quantità di incombenze che bisogna affrontare. Un'impresa seria vi aiuta in tutti questi passi, dandovi indicazioni precise su tutte le pratiche da svolgere, in molti casi occupandosene direttamente.

6. L'onestà

Un'impresa che si rispetti vi presenta un preventivo serio, su carta intestata, non vi propone il pagamento in nero, dicendo " tanto a che le serve la fattura?"
La fattura serve eccome, perché gli eredi la possono detrarre dalla dichiarazione dei redditi.
Non cerca di vendervi servizi accessori utili solo a gonfiare il conto.
E a proposito di conto: ha dei prezzi chiari e contratti senza sorprese.

Questi sono i fattori-chiave che permettono di riconoscere i professionisti di valore e le imprese serie.
Sono tutti elementi da tenere in considerazione nello sfortunato evento in cui si avesse bisogno di ricorrere a questo tipo di servizi.

Le persone con cui state parlando soddisfano tutti questi requisiti?